No votes yet.
Please wait...

Probabilmente a tutti è capitato di sedersi a un bar di fronte a un amico appoggiandosi su un solo braccio e rimanere così anche per alcune decine di minuti a parlare. Una posizione scomoda che provoca un disagio anche piuttosto velocemente. In questi casi può accadere di accorgersi tardi della cattiva postura che si sta tenendo e non è raro quindi ritrovarsi con il lato della schiena messo sotto sforzo contratto e doloroso, anche per giorni o addirittura settimane.

Le persone con meno sensibilità al dolore, soprattutto le persone più giovani, non si rapportano bene a questa storia. Possono essere quindi inclini a sottovalutare la gravità del dolore, considerare il dolore come una coincidenza o considerarlo un problema di debolezza piuttosto che di un problema posturale. Questo problema è invece piuttosto reale per molte persone, soprattutto quelle più anziane.

La postura non è esattamente un fattore critico per la salute muscoloscheletrica di tutti ma abbiamo visto innumerevoli casi in cui le contratture posturali e ergonomiche relativamente evidenti e evitabili, provocano dolori e in molti casi il dolore è stato alleviato abbastanza facilmente semplicemente evitando una postura ovviamente errata.

D’altro canto, la maggior parte di questi casi ha coinvolto solo uno sforzo posturale imposto, al contrario di quelli che sono i casi di “cattiva postura”. Questo è un punto di confusione costante ed è molto importante fare chiarezza.

cattiva postura al pc

Sforzo posturale e cattiva postura

 

Portare uno zaino pesante sporgente su una spalla è uno sforzo posturale, è una circostanza che rende difficile essere comodi o mantenere ciò che probabilmente pensiamo essere una buona postura. Scrivere incessantemente è uno sforzo posturale. Non è una cattiva abitudine, è qualcosa che (alcuni di noi) si deve fare ed è una sfida per il nostro corpo.

C’è una chiara differenza, ma anche un sacco di sovrapposizioni. Molta “cattiva postura” è semplicemente affrontare in modo scomodo uno sforzo posturale. Molti sforzi posturali possono essere rimossi o evitati se riconoscete il problema, ma è sorprendente quanto spesso le persone non notino nemmeno di star facendo uno sforzo posturale.

Cosa succede se qualcuno non è cosciente di star facendo uno sforzo posturale facilmente evitabile? È un problema di postura? O è semplicemente un banalità circa l’ergonomia? Suppongo che sia una miscela complicata di entrambi.

 

Un esempio classico è quello di un uomo con un dolore cronico veramente terribile alla schiena, probabilmente dovuto a una postazione di lavoro al computer pericolosa. Spesso le persone sono a malapena consapevoli di questo genere di problemi ma una volta che il problema vene evidenziato, i miglioramenti sono veloci e semplici e a volte si trova addirittura una soluzione definitiva.

Un altro buon esempio è il violinista che aveva sviluppato un dolore terribile alla spalla. Incredibilmente, non aveva detto che era un musicista professionista ma si presentava semplicemente come un paziente con dolore alla spalla.

Soltanto dopo averlo accuratamente esaminato, si è scoperto che stava suonando il violino per ore ogni giorno mettendo la spalla sotto intenso sforzo. In quel caso smetteva di suonare, il dolore si dissolveva per alcuni giorni, poi riprendeva e il dolore tornava più forte di prima.

Lo stava facendo da anni, ma non pensava di menzionare niente di questo e perché? Era un chiaro caso di uno sforzo posturale richiesto da un’attività amata e che rappresentava il suo lavoro. Probabilmente non menzionava la connessione del violino con il dolore perché non voleva che fosse proprio quello il problema. Sono sicuro che non volesse che la soluzione fosse smettere di suonare. Quel tizio amava suonare il violino.

L’ergonomia è la scienza di organizzare o progettare cose per un uso efficiente, in particolare per evitare questi tipi di sforzi posturali. Purtroppo, l’ergonomia è di solito interpretata in modo inimmaginabile, con il risultato che la maggior parte delle persone pensa che l’ergonomia è solo sulla scelta delle sedie per ufficio e la modifica della pendenza sulla tastiera.

Molte cose possono essere dette sulle sedie dell’ufficio e sull’inclinazione della tastiera, ma è solo la punta dell’iceberg ergonomico.

Commenti